Tag: primarie

Primarie PD Piemonte 2014

Primarie PD Piemonte 2014

Ebbene sì, non ci siamo tolti la voglia con le primarie che hanno portato all’elezione di Matteo Renzi segretario del Partito Democratico (e finalmente vediamo qualcosa muoversi!).

Il 16 febbraio, dalle 8.00 alle 20.00, tutti i cittadini (non è necessario iscriversi!) sono invitati a partecipare all’elezione del segretario regionale del PD.

Primarie PD 2013

Primarie PD 2013

Domenica 8 dicembre si vota per le Primarie del Partito Democratico, per scegliere il prossimo segretario del PD. Si vota dalle 8 alle 20.00, non è necessario iscriversi o essere iscritti al partito per votare: trova il tuo seggio qui.

Anche questa volta (e speriamo sia la volta buona!) il mio voto andrà a Matteo Renzi, per queste ragioni qui.

 

Essere Matteo Renzi

Essere Matteo Renzi

Da www.linkiesta.it

Essere Matteo Renzi. Chissà, qualcuno, probabilmente, avrà persino pensato di entrare per quindici minuti nella sua testa. Soprattutto dopo le primarie. In tanti, a sinistra (vabbè, dopo lo sfregio gaberiano ad opera di Veltroni e Bertinotti, basta con la sinistra e con la destra). In tanti, tra gli elettori delle primarie del Pd, e non solo, si sono chiesti come mai quel presunto arrogantello, berlusconiano in sedicesimi, ma pure in ottavi, non avesse ribaltato il tavolo, non se ne fosse bellamente fregato delle intenzioni sbandierate in campagna elettorale e non avesse, di conseguenza, lasciato la casa madre per approdare chissà dove, sicuramente un po’ più a destra (essì, perdonatemi).

Festaccia post primarie – Francesca back home

Festaccia post primarie – Francesca back home

Il 7 gennaio 2013, dalle ore 21.00, presso il salone polivalente ex Venchi Unica, via De Sanctis 12, Torino, terzo piano, si festeggia lo straordinario risultato di Francesca Bonomo, terza alle primarie per i parlamentari del Partito Democratico in Provincia di Torino. Francesca, 28 anni, presidente di ALTrE PROSPETTIVE è la dimostrazione che la politica […]

Adesso, è il momento!

Adesso, è il momento!

L’Italia sta attraversando una drammatica crisi economica e i partiti appaiono in difficoltà nel guidare questo periodo. La transizione verso un nuovo governo è stata condotta con saggezza dal Presidente Napolitano, che ha favorito la nascita di un governo tecnico, sostenuto da un’ampia e trasversale maggioranza parlamentare. Il Governo Monti è stato capace di scelte coraggiose e impopolari, quelle scelte che la politica avrebbe dovuto compiere, ma che non ha mai avuto il coraggio di affrontare. Monti ha saputo ridare credibilità all’Italia nello scenario europeo ed internazionale ed è riuscito ad evitare azioni speculative sui titoli del debito pubblico. Oggi, più che mai, l’Italia deve avere un governo credibile all’estero ed efficace nell’azione di risanamento della finanza pubblica. Ecco perché crediamo che la cosiddetta “Agenda Monti” sia fondamentale anche nella prossima legislatura; qualsiasi coalizione non potrà allontanarsi dal cammino di rigore intrapreso.

BUONGIORNO 14/09/2012 (Di M. Gramellini) – Ma come osa?

BUONGIORNO 14/09/2012 (Di M. Gramellini) – Ma come osa?

Il Renzi che chiede il voto a chi finora lo dava a Berlusconi è una anomalia o, se preferite, una primizia. In Italia cambiano più spesso partito i politici degli elettori. I quali piuttosto smettono di andare a votare, ma difficilmente sono disposti a saltare il fossato che divide la destra dalla sinistra. Conosco inglesi che hanno scelto prima la Thatcher e poi Blair, francesi passati dal socialismo a Sarkozy (e ritorno), case di americani in cui le biografie di Reagan e Clinton campeggiano affiancate.